acquista su www.weirdbook.it

StraitJacket, l’horror rivoluzionario

StraitJacket è senza ombra di dubbio il fumetto horror dell’anno: pubblicato in Spagna dalla Amigo Comics è vincitore di tre importanti premi (Carlos Gimenez Award 2017 – Best writer, Jose Sanchis Award 2018 – Best author, Spanish Association of Artists Award 2018). La storia scritta dall’eclettico e visionario El Torres, in nomination agli Eisner Award del 2018, rappresenta una “rivoluzione concettuale” del genere horror e arriva in Italia con il marchio Weird Book.

 

acquista su www.weirdbook.itTutti noi ci siamo chiesti, almeno una volta, quale sia la realtà. In che proporzione siamo capaci di percepirla. Se il nostro modo di intenderla sia lo stesso degli altri e fino a che punto esiste la verità, se non sia, in fondo, nient’altro che il frutto di prospettive, di relatività, di soggetti che scelgono di imporre un’etichetta alle cose. Basti pensare che nessun occhio umano è lo stesso, che ciascuno registra un’immagine differente: l’intensità, i colori, le forme non sono mai perfettamente uguali, nemmeno per un occhio sano. E in questo mondo di occhi ce ne sono a milioni, ognuno capace di captare nella sua esclusiva singolarità.

El Torres coglie proprio questo particolare aspetto della condizione umana, per rivelarci, alla fine, che la realtà è una questione di scelte, che ciò che esiste è tale perché noi vogliamo che lo sia e ciò che non esiste è frutto di un’omissione.

Straitjacket è un’opera complessa, uno studio profondo sull’umano, sulla debolezza e la forza che ci contraddistingue. Nella realtà costipata ed alienante di cui Alexandra Wagner è protagonista, ogni cosa è liquida, scorre attraverso i confini labili della sanità mentale, dove la follia si colloca come una particella, un germe che vive e si nutre e che, nel suo crescere, è capace di colonizzare la mente fino ad estroflettersi verso l’esterno, a manifestarsi sotto forma tangibile. Il rosso, il bianco e il nero dei disegni di Guillermo Sanna colludono e sostengono la sceneggiatura rievocando il perfetto intreccio di morte, sangue, salvezza.

La distruzione, infatti, non è l’elemento cardine di Straitjacket ma il mezzo attraverso il quale è possibile raggiungere lo scopo finale nella lotta per la sopravvivenza. Tutti possiamo essere “feeders” (coloro che nutrono), tutti possiamo essere presi, ma allo stesso modo tutti possiamo essere salvati, anche se la salvezza implica il sacrificio, identificato nel luogo della mente in cui si rivela il peso dei legami, la difficile scelta che la vita impone tra ciò che amiamo e ciò che è necessario.

acquista su www.weirdbook.itIl coraggio di procedere per qualcosa di più grande della nostra mera realizzazione personale fa sì che Alexandra Wagner sia una parte di ciascuno di noi: è quel desiderio sospeso sull’instabile filo della vita, che lotta aggrappato, contro la tempesta che imperversa. È la capacità di guardare oltre il proprio fine, oltre persino ciò che viene comunemente reputato giusto, adeguato.

Ogni cosa perde quell’assolutezza che impone la società e diviene evanescente ed è in quell’evanescenza che sorge la possibilità di realizzare qualunque cosa. La malattia è un mezzo, la salute una maschera, l’inquietudine una via da percorrere.

El Torres rompe i cliché della sanità mentale con una storia capace di vivere oltre i nostri tempi, una porta su altri mondi ancora inesplorati.

Bye feeders!

Giada Cecchinelli

Loading...